Gli oli essenziali e i loro effetti sulla psiche.

Gli Oli Essenziali, grazie al loro intenso aroma hanno in genere effetti benefici sulla nostra psiche.

Il loro profumo, costituito da molecole volatili raggiunge direttamente, attraverso l’olfatto, i centri nervosi cerebrali e la struttura limbica, modulando così le risposte neurovegetative, autonome ed istintive.
Condividi
03 Marzo 2021

Gli oli essenziali e i loro effetti sulla psiche.

Significa che noi, annusando un Olio Essenziale avremo delle reazioni benefiche, se la composizione dell’olio è ciò di cui noi abbiamo bisogno o, al contrario, avremo una reazione di fastidio, se l’olio non ha una composizione in quel momento adatta a ciò che il nostro corpo o la nostra mente richiede.
In più la nostra mente ricorderà per sempre la reazione positiva che si ripeterà ogni volta che sentiremo quel tipo di aroma.



Le essenze stimolano la secrezione di endorfine, gli ormoni del benessere.

Sembra una cosa strana vero? Eppure, credetemi per quasi vent’anni ho fatto annusare tre oli essenziali alle persone che entravano nel mio centro per offrire qualche minuto di massaggio alla testa o alle spalle prima di iniziare un qualsiasi trattamento.
Non c’è mai stata una volta che io abbia sbagliato nelle previsioni di scelta dell’essenza.
Le reazioni delle persone erano istintive e senza ripensamenti.
Sapevo che se qualcuno fosse stato triste o stanco sicuramente avrebbe scelto un aroma fresco o agrumato (le cosiddette note alte).
Diversamente le clienti che arrivavano di corsa stressatissime e di fretta (quelle che entrano telefonando e chiedono già quando finirà il loro appuntamento), avrebbero sempre scelto gli oli essenziali legnosi (note basse) o riequilibranti come Rosa, Gelsomino, Lavanda (note medie).

Parlare di note è una tradizione antica quando si parla di aromi e serve a farci capire come utilizzarli. La classificazione medievale era ispirata alla scala musicale.

Note Basse (o di Base) (DO). Sono gli oli che evaporano più lentamente ed il cui aroma può persistere per diverse ore; a livello psichico sono calmanti e rilassanti. Ad esempio, Cedro, Sandalo e Patchouly.


Note Medie (o di Cuore) (MI-FA). Sono gli oli, perlopiù floreali, che evaporano più lentamente.
Il loro aroma può persistere per mezz’ora o 1 h al massimo. Sono delicati e a livello psichico hanno azione riequilibrante e aiutano a ritrovare la giusta prospettiva.

Note Alte (o di Testa) (LA-SI). Sono gli oli che evaporano molto velocemente, hanno la persistenza di qualche minuto e il loro aroma si percepisce subito. Sono i freschi come Menta Eucalipto, gli agrumati come Arancio, Bergamotto, Limone.

Marjposa, azienda sempre attenta alle esigenze delle professioniste ha già a disposizione sia essenze pure che sinergie di più oli essenziali per un utilizzo più “funzionale”. Uno dei diversi modi per l’utilizzo delle essenze.

A breve lancerà un nuovo trattamento antistress che si baserà proprio sull’azione modulatoria della psiche di particolarissimi e rari oli essenziali.

In questo momento di transizione è molto importante dare alle clienti tutto l’aiuto possibile per combattere lo stress attraverso l’uso del massaggio aromatico, sia corpo che anche solo del viso.

Ecco che le essenze ed il loro mondo ci aiutano, grazie alla loro azione, a reagire nel modo migliore ad una situazione davvero difficile e stressante.

Vuoi leggere di più dal nostro magazine?
Journal

Rimani sempre aggiornato

Segui le tendenze, scopri le novità, rimani aggiornato su tutto il mondo Marjposa: leggi il nostro journal.
Vengono definiti vegani i cosmetici che non contengono al loro interno ingredienti che derivano da animali.
Vengono definiti fitocosmetici quei prodotti la cui composizione è in prevalenza o quasi totalmente costituita da ingredienti derivati da estratti di piante e fiori, anche modificati con moderne bio-tecnologie.
Gli Oli Essenziali, grazie al loro intenso aroma hanno in genere effetti benefici sulla nostra psiche.

Il loro profumo, costituito da molecole volatili raggiunge direttamente, attraverso l’olfatto, i centri nervosi cerebrali e la struttura limbica, modulando così le risposte neurovegetative, autonome ed istintive.
La volta scorsa abbiamo parlato dell’estrazione “in CO2 supercritica”. Questa volta esaminiamo la “BIOLIQUEFAZIONE MOLECOLARE”.
Vediamo di fare un po' di ordine e chiarezza su queste procedure.