Fitocosmetici e cosmetici vegani. Cosa li differenzia? Facciamo un po' di chiarezza.

Vengono definiti vegani i cosmetici che non contengono al loro interno ingredienti che derivano da animali.
Vengono definiti fitocosmetici quei prodotti la cui composizione è in prevalenza o quasi totalmente costituita da ingredienti derivati da estratti di piante e fiori, anche modificati con moderne bio-tecnologie.
Condividi
07 Aprile 2021

Fitocosmetici e cosmetici vegani. Cosa li differenzia? Facciamo un po' di chiarezza.

Come detto in precedenza, in un cosmetico vegan ok nessun ingrediente deve aver a che fare con il mondo animale.
L’essere cosmetico vegan, non è né una certezza di qualità, né una certezza di efficacia: è una scelta ETICA.
Ad esempio non deve contenere il latte (mucca, capra e pecora) e derivati o miele e derivati dalle api.
O coloranti rossi come la cocciniglia (derivata dalla polvere delle ali delle coccinelle), o la lanolina (emolliente che si ottiene dalla purificazione della lana delle pecore).
Stesso discorso per la madreperla, ricavata dalle ostriche perlifere (prodotti trucco).
No per la bava di lumaca, che contiene mucopolisaccaridi ottimi nella prevenzione delle rughe del viso, ma che comporta lo sfruttamento intensivo delle lumache.
Cheratina, collagene acido stearico, squalene e molti altri, non sono permessi.

Non ci sono invece ingredienti non ammessi in un fitocosmetico, però è buona norma etica non utilizzare derivati e conservanti di evidente origine petrochimica, quali paraffine, parabeni, sles etc, (l’elenco sarebbe troppo lungo.)
Un fitocosmetico, come già detto per considerarsi tale deve essere composto soprattutto da essenze, estratti, acque floreali. Gli estratti di piante, possono anche avere subito lavorazioni enzimatiche o comunque bio tecnologiche, e quindi presentarsi con nomi magari particolari.

Il fitocosmetico può vantare un’efficacia data dalla presenza di attivi conosciuti e testati.
La nuova fitocosmesi utilizza estratti standardizzati e titolati, cioè con composizioni e percentuali di sostanza attiva ben definiti.
I progressi nella ricerca scientifica nel campo specifico degli estratti vegetali, hanno permesso di conoscere meglio a composizione di questi ultimi sia che vengano ottenuti da estrazione che bio-fermentazione.

Con il massimo rispetto ed attenzione i laboratori di formulazione attenti a queste richieste hanno a disposizione alternative biologiche,quali centrifugati o succhi di frutta, per esempio, da proporre alle aziende che vogliono realizzare cosmetici di questo tipo.
Nella linea Marjposa, come sapete vengono proposti fitocosmetici di alta qualità e con attivi alla massima concentrazione possibile.
Anche nei nostri cosmetici sono presenti molti attivi che potrebbero essere inseriti in cosmetici vegani, ma la nostra filosofia è diversa.
Sperando di aver chiarito qualche dubbio, nel rispetto di delle vostre scelte, vi saluto.

Alla prossima
Dott. Paola Vallotto
Resp. tecnico Marjposa




Vuoi leggere di più dal nostro magazine?
Journal

Rimani sempre aggiornato

Segui le tendenze, scopri le novità, rimani aggiornato su tutto il mondo Marjposa: leggi il nostro journal.
Un nuovo piccolo dispositivo... per un grande risultato !
Vengono definiti vegani i cosmetici che non contengono al loro interno ingredienti che derivano da animali.
Vengono definiti fitocosmetici quei prodotti la cui composizione è in prevalenza o quasi totalmente costituita da ingredienti derivati da estratti di piante e fiori, anche modificati con moderne bio-tecnologie.
Gli Oli Essenziali, grazie al loro intenso aroma hanno in genere effetti benefici sulla nostra psiche.

Il loro profumo, costituito da molecole volatili raggiunge direttamente, attraverso l’olfatto, i centri nervosi cerebrali e la struttura limbica, modulando così le risposte neurovegetative, autonome ed istintive.
La volta scorsa abbiamo parlato dell’estrazione “in CO2 supercritica”. Questa volta esaminiamo la “BIOLIQUEFAZIONE MOLECOLARE”.